Giornata in ricordo delle vittime e dei caduti trentini

13 Ottobre 2020
In occasione della Giornata in ricordo delle vittime e dei caduti trentini, istituita dalla legge provinciale 11/2017 il 14 ottobre di ogni anno, è previsto un evento on line promosso dalla Provincia in collaborazione con il Museo Storico Italiano della Guerra e la Fondazione Museo storico del Trentino.
Il programma della commemorazione prevede gli interventi di Mirko Bisesti, assessore provinciale istruzione, cultura e universit√†, di Giuseppe Ferrandi, direttore della Fondazione Museo storico del Trentino che parler√† de “Il significato della Giornata del 14 ottobre. Tra storia e memoria pubblica” e di Francesco Frizzera, provveditore del Museo della Guerra di Rovereto, che si occuper√† de “La guerra dei trentini: il fronte orientale, gli sfollamenti, la militarizzazione” e in particolare delle grandi battaglie del 1914-’15 e del tema dei profughi. A moderare il capo ufficio stampa della Provincia, Giampaolo Pedrotti.
L’iniziativa sar√† in diretta sul profilo Facebook della Provincia alle ore 17.30 e sar√† poi resa disponibile sulle emittenti locali.
PROGRAMMA DELLE INIZIATIVE

Mercoledì 14 ottobre ore 16
Visita guidata gratuita al Museo della Guerra di Rovereto e al Memoriale dei caduti trentini, incentrata sul tema della commemorazione dei caduti tra Ottocento e primo dopoguerra: si analizzeranno le forme del ricordo, l’affermarsi del mito dei caduti e la realizzazione di cimiteri, monumenti e sacrari. Un’attenzione particolare verrà riservata alla memoria dei soldati trentini caduti su diversi fronti nel corso della Prima guerra mondiale.
A cura del Museo Storico Italiano della Guerra. Prenotazione obbligatoria scrivendo a didattica@museodellaguerra.it o telefonando allo 0464 488041.

 

Venerdì 16 ottobre
Attività per le scuole secondarie di primo e secondo grado a cura della Fondazione Museo Storico del Trentino

Soldati e civili nella Grande Guerra
Un¬†percorso¬†online¬†di un’ora con la Fondazione Museo storico del Trentino, dedicato ai trentini, soldati e civili, che hanno vissuto il dramma della prima guerra mondiale.
Partecipazione gratuita, durata 1 ora, su prenotazione scrivendo a edu@museostorico.it

Trento nella Grande Guerra
Un percorso a piedi per le vie della città per scoprire cosa ha significato la guerra per gli abitanti di Trento e del Trentino.
Partecipazione gratuita, durata 1,5 ore, su prenotazione scrivendo a edu@museostorico.it

 

Domenica 18 ottobre ore 14.00
Attività per la cittadinanza a cura della Fondazione Museo Storico del Trentino

Visita guidata al Forte di Cadine
Una fra le prime strutture militari costruite dagli Austriaci in Trentino: simbolo della fortificazione di un territorio che subirà il dramma della guerra.
Partecipazione gratuita, durata 1 ora, su prenotazione scrivendo a edu@museostorico.it

 

Sabato 17 ottobre ore 10.30
Momento di ricordo presso il Sacrario dedicato ai caduti austro-ungarici del Cimitero monumentale di Trento a cura di Federazione Sch√ľtzen del Trentino

 

14 ottobre
Allo scoppio della prima guerra mondiale il Trentino faceva parte dell’Impero austro-ungarico e confinava con il Regno d’Italia. Nell’estate del 1914 migliaia di trentini furono richiamati alle armi e inviati sul fronte orientale, in Galizia (territorio oggi diviso fra Polonia e Ucraina), per combattere contro l’esercito russo. Nel corso della Grande Guerra furono 60.000 in totale i trentini arruolati, circa 12.000 non tornarono. Un anno dopo, nel maggio del 1915, la dichiarazione di guerra dell‚ÄôItalia all‚ÄôAustria port√≤ il conflitto nelle case dei trentini. Con l’apertura del fronte meridionale le zone di confine vennero evacuate. Furono oltre centomila i profughi sfollati, la maggioranza nell’entroterra dell’Impero austro-ungarico, principalmente nei campi di Braunau e Mitterndorf e nei Paesi della Boemia e della Moravia, altri furono evacuati dall’esercito italiano nel Regno d‚ÄôItalia.
La data scelta ricorda entrambi questi aspetti: nell’autunno del 1914 vi furono scontri sanguinosi sul fiume San, in Galizia, nel corso dei quali morirono molti soldati trentini, di contro nel novembre del 1915 entrarono i primi trentini nella ‚Äúcitt√† di legno‚ÄĚ di Braunau, il baraccamento destinato ai profughi evacuati allo scoppio della guerra con l‚ÄôItalia.

Memoriale
Per ricordare tutte le vittime trentine del Primo conflitto mondiale, la Provincia, con la legge 11/2017 approvata dal Consiglio all’unanimit√†, ha istituito la ‚ÄúGiornata per ricordare le vittime e i¬†caduti¬†trentini della Grande Guerra‚ÄĚ, individuando come data il 14 ottobre di ogni anno. Con la stessa legge √® stata stabilita la realizzazione del Memoriale dei¬†Caduti¬†trentini nella Grande Guerra, la cui collocazione definitiva √® prevista nel Sacrario di Castel Dante a Rovereto, attualmente in restauro. All‚Äôesterno, attorno al basamento dell‚Äôedificio, saranno riportati su lapide i nomi dei trentini – soldati, prigionieri, operai militarizzati – morti in guerra. All‚Äôinterno, un‚Äôinstallazione multimediale permetter√† di accedere a informazioni sui singoli¬†caduti¬†e sulle vicende della guerra. L’installazione multimediale dedicata ai¬†caduti √® attualmente visibile presso il Museo Storico Italiano della Guerra, a Rovereto.

Fonte Ufficio Stampa PAT