Camminando nella Grande Guerra | Il monte Biaena

Dalla cima del Monte Biaena, raggiungibile da Passo Bordala, si può dominare buona parte del Basso Trentino, dal Pasubio al lago di Garda. Non a caso questa fu una formidabile posizione austroungarica per tener sott’occhio il fronte circostante. Ecco la nuova puntata di “Camminando nella Grande Guerra”, rubrica del Dolomiti in collaborazione con il Museo

Imago militaris trentina: un nuovo progetto del GeCo in collaborazione con il Museo

Il Comune di Rovereto ha da poco rinnovato la convenzione con l’UniversitĂ  di Trento finalizzata alla realizzazione di progetti con ricadute sul territorio, tra le quali la riscoperta del patrimonio storico della cittĂ . Fra i progetti finanziati tramite la convenzione vi è anche quello condotto dal GeCo – Centro Geo-Cartografico di Studio e Documentazione del

Montagne cyborg. Storie di paesaggi ibridi

E’ stato presentato in questi giorni al Trento Film Festival il progetto Montagne Cyborg. Storie di paesaggi ibridi, che indaga in maniera originale sugli intrecci fra conflitti e paesaggio. I curatori del progetto, gli architetti Marco Ferrari e Sara Favargiotti, hanno lavorato alla costruzione di “un cantiere di narrazioni alternative per la montagna” anche grazie

Camminando nella grande Guerra | La Forra del lupo

Un suggestivo percorso che dall’altopiano di Folgaria conduce al Forte Dosso delle Somme, affacciato sulla Valle di Terragnolo: la Forra del Lupo è l’itinerario che vi suggeriamo nella rubrica “Camminando nella Grande Guerra”, curata da il Dolomiti in collaborazione con il Museo della Guerra. A strapiombo sulla valle di Terragnolo, l’itinerario offre un paesaggio mozzafiato,

Storie e storia 2022

Storie e storia è un’iniziativa del Museo Storico Italiano della Guerra e dell’Accademia Roveretana degli Agiati diventata ormai tradizione. Ogni anno dal 2004 vengono presentati libri, ricerche in corso, materiali per una riflessione critica aggiornata sul lavoro di chi fa storia. Il programma della primavera 2022 ha due fondamentali poli d’interesse: il Risorgimento italiano e

Si rinsalda la collaborazione con il Museo delle Forze Armate di Montecchio Maggiore

In questi giorni, i rappresentanti del Museo della Guerra sono tornati a Montecchio Maggiore, per un incontro che conferma la solida collaborazione con il Museo della Forze Armate 1914-1945, con un articolato programma di nuove iniziative condivise per i prossimi anni. L’occasione è stata il ritiro degli oggetti prestati a Montecchio per la mostra, appena

On line il nuovo numero degli Annali del Museo

Disponibile sul sito del Museo il numero 29 degli Annali del Museo Storico Italiano della Guerra, la collana che raccoglie contributi storici e scientifici, saggi e relazioni sulle attività del Museo, le sue ricerche e le  collezioni. In questo volume vengono proposti interessanti approfondimenti su vari aspetti della storia militare del XIX-XX secolo: il saggio

Guerra e ambiente: ne parliamo su Rai Storia con lo storico Marco Mondini

La guerra del Novecento, e in particolare la Grande Guerra, sono state devastanti anche per l’impatto ambientale: hanno aggredito la natura per renderla un teatro di battaglia. Da un altro punto di vista, studiare la guerra vuol dire anche comprendere come l’ambiente sia stato modificato, e come le tracce dei conflitti siano capsule del tempo

Esercito, Università e Museo Storico Italiano della Guerra verso il 150° delle Truppe Alpine

Fonti geo-storiche militari, studio e ricerca per la valorizzazione del territorio e della storia del Corpo degli Alpini Prosegue la pluriennale collaborazione tra l’Esercito (con i genieri del 2° Reggimento Guastatori Alpini), il Centro Geo-cartografico di Studio e Documentazione (GeCo) dell’Università di Trento e il Museo della Guerra di Rovereto dove si è svolta recentemente